iSQUARE

Product design

MyO
Slider

i square sedia chair3

 

Pouf contenitore composto da dischi in legno multistrato di okumè sovrapposti e distanziati di diversa misura. Il coperchio racchiude un vano interno porta riviste. Il progetto ha ricevuto una menzione da parte della giuria della X edizione del Concorso Internazionale “Il Mobile Significante” con tema “I più piccoli”.

MyO ha l' ambizione di proporsi quale oggetto intimo, con un' accezione "personalizzante" di "mio oggetto" , di "mio mondo", quindi non semplice elemento d' arredo, ma un pezzo caro, carico di una propria componente narrativa ed al tempo stesso elemento che si eleva a soggetto, presenza viva, fidato custode delle nostre cose e del nostro vissuto ma anche comoda seduta, piano d' appoggio e alloggiamento per riviste, libri e altro ancora.

MyO è un puff - contenitore la cui fisionomia “morbida”, organica e asimmetrica ne enfatizza la volontà di conferirgli un aspetto invitante, amichevole, come fosse compresso nell' atto del sedersi. Questo rimando ad una sorta di modellazione dinamica vuole esaltare la duttilità del legno e la sua capacità di plasmarsi andando ad assecondare ogni forma ma al tempo stesso mantenendo la propria solidità e matericità.

La forma in questo caso è figlia di una serie di riflessioni funzionali che portano ad optare per un tipo di struttura a centine orizzontali distanziate, che oltre a discretizzarne la tridimensionalità, permette di inserire negli interspazi: riviste, dvd quindi di utilizzarlo non solo come vano contenitore interno ma anche come superficie esterna a tasche. Questo principio innesca un meccanismo di personalizzazione in cui gli elementi “ospiti” diventano parte integrante dell’ oggetto, creando un unicum dialettico e di conseguenza una fisionomia mutevole e articolata.

L' obbiettivo perseguito è stato quello di proporre un oggetto che fosse una risposta concreta, accattivante ed originale alle attuali necessità legate al tema dell' abitare, difatti Il progetto trae spunto dal concetto di "existenzminimum" che rappresenta una dimensione quanto mai attuale se connessa alle attuali

dinamiche economico-sociali, che inducono alla necessità di pensare ad un mercato abitativo che tende ad ottimizzare unità di piccole dimensioni con elevate caratteristiche di funzionalità e che probabilmente dai tempi del secondo congresso internazionale di architettura moderna (CIAM), tenutosi nella città di Francoforte nel 1929, il cui tema era “Die Wohnung für das Existenzminimum” ( l'abitazione per il minimo vitale ) e che in quegli anni ha rappresentato terreno di sperimentazione metodologica, introducendo il tema dell' ergonomia e della massima funzionalità, non è mai stato così attuale.

 

myO V2 ambientazione 2